Dieta del gruppo sanguigno, i problemi con la convivialità

All’inizio l’inesperienza ci porta a pensare che non si può più fare una vera e propria vita sociale.

Non è assolutamente vero e ho già scritto altri articoli inerenti su cosa ordinare al ristorante o come comportarsi.

Con gli amici e i parenti è stato per me sicuramente un po’ più difficile all’inizio.

Sicuramente non dobbiamo pretendere che ci venga fatto un piatto perfetto mozziano, ma dire a una padrona di casa : “porto qualcosa anch’io perché ho scoperto che con alcuni alimenti sto male”, in genere non offende nessuno.

E al massimo potete mangiare quello che avete portato, se non c’è niente che può andare.

Se le persone da cui andate sono in confidenza con voi, potete spiegare loro benissimo cosa fate e capiranno.

E se la cosa non succede non è un problema vostro.

Ricordatevi che non state seguendo la moda, o strane aspettative estetiche, ma state semplicemente pensando alla vostra salute.

Aspettatevi pure critiche e anche peggio, o le solite stupide battute ma cercate di rimanere fermi sulle vostre convinzioni e quando siete a casa di altri almeno gli alimenti proibitissimi cercate di evitarli.

Le persone in genere pensano che noi mangiamo male oppure che rinunciamo a qualsiasi manicaretto ed è sufficiente invitarli una volta a casa vostra per dimostrare invece che non è così.

Cercando di portare in tavola anche per gli amici dei piatti mozziani con degli abbinamenti consentiti . In fondo , il riso coi funghi o con gli asparagi, il pollo arrosto, un arrosto di tacchino, il salmone o altre cose piacciono a tutti.

Facendo così, piano piano si abitueranno e in breve tempo non avrete più problemi anche se ci sarà sempre qualcuno pronto a convincervi a mangiare la salsiccia di maiale, come se non farlo forse la rinuncia del mondo.

All’inizio lasciateli pure sorridere ma vi garantisco che al primo inverno che trascorrerete senza ammalarvi mai, oppure alla prima patologia evidente che sparirà dalla vostra vita, arriverete sorridere di più voi.

In qualsiasi caso non c’è bisogno di fare la guerra a nessuno, semplicemente fatevi rispettare. E non obbligate nessuno a fare qualcosa che non ha voglia di fare. Se qualche volta arrivate ad una cena col vostro pacchettino non succede niente, le persone si stupiranno le prime volte e poi si abitueranno.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: