Due parole sulla dieta keto

Articolo di Mary Bollini

La dieta chetogenica si basa sul fatto che, togliendo quasi tutti i carboidrati, il corpo tende a dimagrire, non è nata come dieta salutistica e di fatto non lo è, soprattutto per le regole che ha, è però sicuramente una dieta dimagrante.

Ma a quale prezzo? Ogni volta che una persona decide di intraprendere un percorso alimentare, prima di tutto dovrebbe informarsi su cosa vuol dire essere dei salutisti.

Vi faccio un esempio pratico, la nostra dieta, quella del dottor Mozzi, può essere fatta correttamente, cioè seguendo i suoi dettami, ma può essere fatta anche malissimo.

E cioè riempita di dolci teoricamente compatibili, di cotture non accettabili ma fatte con alimenti compatibili, di accostamenti assurdi.

E soprattutto di quantità assurde.

La dieta chetogenica questo rischio ce l’ha maggiormente, perché alcuni alimenti poco salutari non sono proibiti, perché i grassi sono praticamente usati liberamente, perché viene tolta completamente o quasi la quota di carboidrati.

Nel seguire i gruppi su facebook, mi sono resa conto che molte persone hanno le idee molto confuse su questa cosa.

Molti sono convinti, facendo la dieta del dottor mozzi, di seguire una alimentazione priva di carboidrati.

Niente di più sbagliato. La confusione viene dal fatto che viene consigliato a chi ha patologie di togliere completamente cereali anche senza glutine, frutta, e dolci. Una minima conoscenza dell’argomento invece, farebbe capire alle persone che i carboidrati si possono prendere benissimo dalle verdure, e alcune verdure ne hanno veramente tanti, e anche e soprattutto dai legumi.

Oltre al fatto che più o meno tutti gli alimenti hanno una piccola parte di carboidrati. Se poi approcciamo a questa dieta senza restrizioni, i carboidrati abbondano, anche troppo.

Nella dieta chetogenica invece i carboidrati vengono proprio tolti quasi completamente e questo è ciò che la rende più sbilanciata del nostro tipo di alimentazione.

Però ci sono dei punti in comune quando viene fatta in maniera salutista.

Mi è capitato di vedere dei video di persone che intraprendono la dieta chetogenica e mi sono venuti i brividi.

Ho visto persone che al mattino mangiano delle frittate fritte con abbondante formaggio.

E quantità di carne industriali compresa quella di maiale. Ultimamente però ho notato che i coach salutisti spingono verso un’alimentazione diversa.

Vedo più verdure, qualche legume, uova, carne cotta in maniera corretta, pesce cotto in maniera corretta, e priva di latticini.

Vi chiederete perché ho fatto questo articolo. In primis perché ho visto questa foto che deriva dalla dieta chetogenica e che va benissimo anche per la nostra.

E quindi ho pensato che qualcuno poteva prendere qualche spunto, ovviamente adattando i contenuti delle vaschette al proprio gruppo sanguigno.

Però potrebbe essere un esempio valido , per chi inizia, per avere un’idea sulle quantità e sul modo. E intanto vi ho dato un infarinatura di quello che può essere una dieta alternativa non salutista, in primis, da non seguire. Nei gruppi leggo spesso della dieta chetogenica. E alcune persone la confondono con la dieta del gruppo sanguigno.

Bene, sappiate che non è così. Adesso sapete il perché.

Mary

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: